Newsletter
xylella-1
8 settembre 2020

Xylella fastidiosa

La situazione in Puglia per quanto riguarda la Xylella Fastidiosa, non smette di avanzare. Le zone infette arrivano fino a Brindisi e Taranto. Primi casi si sono registrati a Locorotondo in questo giugno. Esistono diverse strategie che possono essere adottate per fermare il deperimento e la morte degli Ulivi. Nell’articolo è spiegato il processo di bonifica “verde” dei territori affetti da questo batterio fitopatogeno.

Ultimamente sono stati pubblicati articoli di giornale nella Gazzetta del Mezzogiorno, riguardanti l’avanzamento della Xylella Fastidiosa nei territori Brindisini, Tarantini fino ad arrivare anche a Locorotondo quest’ultimo giugno.

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/1230873/xylella-in-puglia-estirpati-circa-12mila-ulivi-infetti-in-5-anni.html

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/1229477/la-xylella-arriva-nel-barese-abbattuti-5-ulivi-infetti-a-locorotondo.html

Il responsabile di questo deperimento e declino rapido delle olive è la Xylella Fastidiosa, batterio che attacca le piante interessate riproducendosi all’interno dell’apparato conduttore della linfa grezza. Il batterio è all’origine del Complesso del disseccamento rapido dell’olivo, una gravissima fitopatologia che si sta espandendo nel Sud della Puglia e che continua il suo avanzamento nell’entroterra.
Xylella fastidiosa pauca ST53 è il batterio responsabile della sindrome da declino rapido delle olive che ha ucciso milioni di ulivi nel sud italia. Questo batterio è veicolato da Philaenus spumarius, Philaenus italosignus e Neophilaenus campestris, dette anche Sputacchine. Un recente lavoro dimostra che la razionale integrazione delle misure di controllo del vettore e della strasmissione, in una strategia basata su mezzi di controllo chimico e fisico, può gestire l’invasione della Xylitella fastidiosa. Nell’articolo è proposta un’alternativa biologica all’azione di controllo chimico, che prevede l’uso predeterminato di un nemico naturale disponibile, lo Zelus Renardii, per la popolazione adulta di vettore e biocontrollo delle infezioni. Zelus Renardii ha il potenziale per fornire una soluzione efficiente e “verde” per l’invasione della Xylella fastidiosa, con una riduzione dell’incidenza di patogeni inferiore al 10%. Il modello di biocontrollo è promettente per contenere l’impatto e la diffusione della Xylella fastidiosa, dopo una convalida sul campo della tecnica di inondazione. Salvare il frutteto, la produzione e l’industria nelle aree sensibili, potrebbe così diventare un obiettivo raggiungibile, entro parametri confortevoli per la sostenibilità, la sicurezza ambientale e la protezione efficace della salute delle piante nella gestione dei frutteti biologici.

Zelus Renardii è comunemente noto come insetto assassino di cicaline e il nome banale descrive bene la sua predilezione. Cibandosi dell’adulto di Philaenus spumarius, Philaenus italosignus e Neophilaenus campestris, l’insetto è entrato di recente, per dispersione mediata dell’uomo, in molti paesi europei vicini. È presente in Grecia, Spagna, Albania e Israele.

xylella-graphic

Introducendo ad aprile lo Zelus Renardii sugli alberi di ulivo, l’insetto sarà attivo come predatore quando a fine aprile i vettori della Xylella Fastidiosa (Philaenus spumarius, Philaenus italosignus e Neophilaenus campestris) si trasferiranno dalle piante spontanee agli alberi perché gli stess idrici, responsabili dell’essiccazione del terreno, renderanno l’ospite iniziale sfavorevole inducendo i vettori a trasferirsi sulle piante di olivo che, in quei mesi, stanno fiorendo presentando tessuti teneri.

A questo link l’articolo di ricerca.

Info sull’autore

Newsletter
 
Lo Smart Glass è una nuova tecnologia “Hand Free” che fornisce un supporto alle attività e alla risoluzione di problematiche...
 
La soluzione “Smart Bracelet”, ideata dalla Dyrecta Lab, segnala il mancato rispetto della distanza di sicurezza tra due soggetti che...
 
Monitoraggio sicuro è una Piattaforma Software supportata da dispositivi Hardware, sviluppata per far parte integrante della vita quotidiana dei cittadini...
 
Dalla Regione Puglia 13 milioni di euro per il nuovo incentivo denominato Innoprocess nato per incentivare e sostenere gli investimenti in...
 
Intelligenza Artificiale e Reti Neuronali analizzano immagini digitali o real-time, per identificare una persona e riconoscerla in futuro. Il riconoscimento...
 
La definizione di Smart City è stata dichiarata dall’Unione Europea come l’inclusione di 6 dimensioni: Smart People: Il modello prevede...
 
Nell’articolo scientifico   vengono analizzate le variabili in grado di avere un impatto in termini di “Risorse Umane”, facendo riferimento a 36...
 
Si è svolto da poco il Demo-Lab di HYDRO RISK LAB, progetto finanziato dalla Regione Puglia e coordinato scientificamente dall’Istituto...
 
A Terni nasce il primo negozio Umbro Verde e Hi-Tech. Nato da una idea di Davide Milani, professore dell’istituto tecnologico...
 
Crescono i lavoratori con educazione terziaria. Tuttavia l’intelligenza artificiale e l’abbassamento degli standard formativi di scuola e università potrebbero comportare...
 
La realtà aumentata si definisce come la visione di un ambiente fisico reale medianti dispositivi che seguono la realtà tramite...
 
L’intervento del Ministero dello Sviluppo Economico mira alla realizzazione di progetti di valorizzazione di disegni e/o modelli registrati l’Ufficio Italiano...
 
Le modalità di velocizzazione e ottimizzazione delle prestazioni delle attività, si basano sull’automazione dei processi di digitalizzazione e nella strutturazione...
 
Sempre di più si parla di predizione dello stato di salute, di qualità della vita e di supporto alle decisioni...
 
La situazione in Puglia per quanto riguarda la Xylella Fastidiosa, non smette di avanzare. Le zone infette arrivano fino a...
 
L’OIC-24 è un principio contabile per il trattamento delle spese di ricerca e sviluppo nel bilancio di esercizio. In sintesi...
 
Il Machine Learning può essere sintetizzato come la capacità della macchina (e quindi del computer) di apprendere automaticamente, senza essere...
 
L’intervento del Fondo per la crescita sostenibile per i progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito dell’economia circolare di cui alla...