Newsletter
30 Settembre 2020

Quando l’impresa alimentare diventa SMART

L’industria 4.0 si estende anche all’ambiente produttivo dell’industria alimentare anche grazie al concetto di Smart Factory, dove un sistema informatico complesse, si integra, controlla e monitorizza l’ambiente fisico.

Innumerevoli vantaggi, che vanno da quelli produttivi ed economici a quelli dell’abbattimento di tempi decisionali e l’aumento della varietà dei prodotti, possono essere tratti da questa innovazione. Attualmente solo il 40% delle aziende alimentari italiane (fonte Metes 2017) si avvalgono di tecnologie smart. Il problema è radicato nella scarsa digitalizzazione dei processi e al nuovo doveroso approccio verso l’informazione e la formazione sull’argomento.

In questo anno, il governo italiano da rifinanziato piani di sviluppo per le aziende che vogliono innovarsi e divenire smart con l’aiuto di università e dipartimenti di ricerca, che studiano soluzioni e nuove tecnologie creando la giusta sinergia per il comparto produttivi agroalimentare nell’ottica dell’industria 4.0

I punti critici dell’industria agroalimentare, vertono sul controllo della filiera, la trasparenza del processo di produzione e la sicurezza, proprio per garantire un prodotto con delle aspettative di qualità superiori. Per questo nascono sistemi di controllo e di analisi dei punti critici, avvalendosi anche di sensori IoT e Blockchain che garantiscono in qualunque momento, l’analisi, il controllo e la rilevazione delle informazioni in maniera performante, efficiente e senza errori e garantiscono di poter gestire simultaneamente più linee produttive.

Strutturare efficientemente una blockchain, permette di aver accesso ai registri di distribuzione, aumentare la sicurezza delle informazioni e della privacy, inviare e ricevere dati in modo automatico e senza l’ausilio di immissione tramite operatori e condividere informazioni essenziali in ogni passaggio della filiera agroalimentare.

La catena del freddo, che tanto caratterizza molte filiere agroalimentari, è tenuta sotto controllo da sensori IoT che permettono la tracciabilità centralizzata delle informazioni, delle temperature e dell’umidità e della conservazione degli alimenti, al fine di ottimizzare i processi e snellire le procedure degli operatori HACCP, integrando funzioni di “pre-allarme” in caso di previsione di anomalie consentendo la salvaguardia del prodotto e diminuendo il rischio di perdita e sprechi.

Cruscotti dinamici e semplificati, agevolano il controllo da parte dell’operatore e rendono il suo lavoro fruibile e immediato, rendendolo autonomo nelle decisioni, nella previsione delle problematiche che si potrebbero creare in vari punti della filiera ed aiutandolo, tramite sistemi di supporto alle decisioni, a porre misure di correzione alle problematiche rilevate dagli alert.

Per approfondimenti per quanto riguarda le agevolazioni dell’industria 4.0 e l’adozione di queste nuove tecnologie nell’industria agroalimentare, vi consigliamo la lettura di questi due articoli:

 Programmi Integrati di Agevolazioni PIA Piccole Imprese – Regione Puglia

Info sull’autore

Newsletter
 
L’avviso Tecnonidi – Aiuti alle piccole imprese innovative” è rivolto ad imprese di piccola dimensione che intendono avviare o sviluppare...
 
Smart working in senso ampio. Lo smartworking non è una novità nel mondo dell’organizzazione del lavoro aziendale. Molte imprese avevano...
 
Le sfide che devono affrontare le aziende e le industrie della salute e delle scienze della vita si espandono su...
 
Il coinvolgimento tecnologico Chapman (1997) definisce l’engagement come qualcosa che ci attira, ci attrae e trattiene la nostra attenzione. Un’interfaccia...
 
La videosorveglianza intelligente nasce dall’evoluzione dell’analisi video. Il collegamento in rete degli apparati ha consentito che i software esaminassero le...
 
La definizione di StartUp Innovativa, nasce dal decreto legge Crescita del 2.0 (179/2012) e determina dei requisiti fondamentali per la...
 
A causa del COVID-19, le organizzazioni, indipendentemente dalle dimensioni o dal settore, si confrontano con lo smart working e su...
 
Gli esperti determinano come le piccole imprese sono state influenzate negativamente dagli effetti del Covid, e la maggior parte non...
 
La nuova agevolazione del gruppo Simest di cui parliamo oggi, riguarda un tasso agevolato, a regime “de minimis”, lo sviluppo...
 
Perché i Droni? Sicuramente questi dispositivi innovativi hanno la potenzialità di arrivare, in modo sicuro ed efficace, ad eseguire delle...
 
I programmi di chatbot sono nati dall’esigenza della trasformazione digitale per una società sempre più mobile. Nascono in sostituzione delle...
 
Chi può richiedere l’agevolazione? Può richiedere l’agevolazione: Un’impresa di piccola dimensione come da definizione di cui all’Allegato I del Regolamento...
 
Sempre più la Moda si orienta verso l’analisi degli utenti per quanto riguarda i loro desideri, le sensazioni rilevate dalla...
 
L’industria 4.0 si estende anche all’ambiente produttivo dell’industria alimentare anche grazie al concetto di Smart Factory, dove un sistema informatico...
 
Internet of Things (ioT) o, letteralmente, Internet delle cose è una definizione usata per la prima volta da Kevin Ashton...
 
Lo Smart Glass è una nuova tecnologia “Hand Free” che fornisce un supporto alle attività e alla risoluzione di problematiche...
 
La soluzione “Smart Bracelet”, ideata dalla Dyrecta Lab, segnala il mancato rispetto della distanza di sicurezza tra due soggetti che...
 
Monitoraggio sicuro è una Piattaforma Software supportata da dispositivi Hardware, sviluppata per far parte integrante della vita quotidiana dei cittadini...
 
Dalla Regione Puglia 13 milioni di euro per il nuovo incentivo denominato Innoprocess nato per incentivare e sostenere gli investimenti in...
 
Intelligenza Artificiale e Reti Neuronali analizzano immagini digitali o real-time, per identificare una persona e riconoscerla in futuro. Il riconoscimento...
 
La definizione di Smart City è stata dichiarata dall’Unione Europea come l’inclusione di 6 dimensioni: Smart People: Il modello prevede...
 
Nell’articolo scientifico   vengono analizzate le variabili in grado di avere un impatto in termini di “Risorse Umane”, facendo riferimento a 36...
 
Si è svolto da poco il Demo-Lab di HYDRO RISK LAB, progetto finanziato dalla Regione Puglia e coordinato scientificamente dall’Istituto...
 
A Terni nasce il primo negozio Umbro Verde e Hi-Tech. Nato da una idea di Davide Milani, professore dell’istituto tecnologico...
 
Crescono i lavoratori con educazione terziaria. Tuttavia l’intelligenza artificiale e l’abbassamento degli standard formativi di scuola e università potrebbero comportare...
 
La realtà aumentata si definisce come la visione di un ambiente fisico reale medianti dispositivi che seguono la realtà tramite...
 
L’intervento del Ministero dello Sviluppo Economico mira alla realizzazione di progetti di valorizzazione di disegni e/o modelli registrati l’Ufficio Italiano...
 
Le modalità di velocizzazione e ottimizzazione delle prestazioni delle attività, si basano sull’automazione dei processi di digitalizzazione e nella strutturazione...
 
Sempre di più si parla di predizione dello stato di salute, di qualità della vita e di supporto alle decisioni...
 
La situazione in Puglia per quanto riguarda la Xylella Fastidiosa, non smette di avanzare. Le zone infette arrivano fino a...
 
L’OIC-24 è un principio contabile per il trattamento delle spese di ricerca e sviluppo nel bilancio di esercizio. In sintesi...
 
Il Machine Learning può essere sintetizzato come la capacità della macchina (e quindi del computer) di apprendere automaticamente, senza essere...
 
L’intervento del Fondo per la crescita sostenibile per i progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito dell’economia circolare di cui alla...