News Ricerca
businssman drawing business concept on white wall
3 febbraio 2017

Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017: come cambia con la Legge di Bilancio

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 è stato quadruplicato con la Legge di Bilancio 2017.

Ecco tutte le novità in arrivo su aliquota e spese agevolabili.

Credito d’imposta in ricerca e sviluppo 2017: con la Legge di Bilancio viene quadruplicato l’importo. Con l’approvazione in via definitiva della manovra finanziaria 2017/2019 cambiano gli importi agevolabili con il credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo. Le novità inserite dalla Legge di Bilancio 2017 riguardano sia il personale che gli investimenti strumentali.

Le novità introdotte con la Legge di Bilancio 2017 aumentano i benefici concessi alle imprese che investono in programmi di ricerca e sviluppo: il nuovo credito d’imposta sarà quadruplicato: da 5 milioni a 20 milioni di euro massimi annuali e la percentuale salirà al 50% per tutti i tipi di investimento che le imprese adotteranno per i programmi volti all’implemento di ricerca e sviluppo.

Il piano portato avanti dalle misure della Legge di Bilancio 2017 rientra nel progetto di Industria 4.0, con il quale il Governo punta all’innovazione dell’industria italiana e allo sviluppo tecnologico delle attività produttive.

Vediamo nel dettaglio cosa prevede il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 e quali le principali novità introdotte con la Legge di Bilancio 2017.

Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017: come cambia con la Legge di Bilancio

Con la Legge di Bilancio 2017 il credito d’imposta ricerca e sviluppo è stato confermato e raddoppiato: l’aliquota salirà al 50% per tutte le spese, a differenza delle disposizioni in vigore al 2016 che prevedono il 25% di credito d’imposta per l’ammortamento di investimenti strumentali e del 50% per l’assunzione di personale qualificato.

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 vedrà ulteriormente incrementata la quota di spese agevolabili: in base a quanto previsto dal testo definitivo della Legge di Bilancio approvata il 7 dicembre, si passa dall’attuale investimento massimo di 5 milioni di euro a 20 milioni di euro (con una spesa minima di 30 mila euro), cinque volte maggiore rispetto a quanto previsto dalla disciplina del credito d’imposta ricerca e sviluppo 2016.

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 è destinato a tutte le tipologie di imprese, agli enti non commerciali, a consorzi e reti d’impresa, a prescindere dalle dimensioni aziendali, dalla forma giuridica e dal settore di attività.

Per l’applicazione del credito d’imposta dovrebbe restare valido il criterio incrementale. Quindi il credito d’imposta ricerca e sviluppo è destinato alle spese in eccedenza rispetto agli investimenti realizzati nei 3 periodi d’imposta precedenti, sostenute per il periodo d’imposta agevolato.

Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017: aliquota unica 50% e spese quadruplicate

La novità approvata con la Legge di Bilancio 2017 è di particolare rilevanza per quel che riguarda l’applicazione dell’aliquota unica del 50%: non più la differenza tra le spese sostenute per i beni strumentali (25%) e il personale altamente qualificato (50%).

In base a quanto previsto ad oggi, il credito d’imposta ricerca e sviluppo al 50% agevolerà il calcolo dell’ammortamento previsto per gli investimenti complessivi dell’impresa.

Secondo quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2017 presentata dal Governo il 15 ottobre e approvata in via definitiva al Senato il 7 dicembre, il credito d’imposta ricerca e sviluppo al 50% si applica a:

  • assunzione di personale altamente qualificato impiegato nella ricerca;
  • quote di ammortamento acquisizione o utilizzazione strumenti e attrezzature;
  • contratti di ricerca con università, enti di ricerca, imprese, start up innovative;
  • competenze tecniche e privative industriali.

Saranno agevolate con l’applicazione del credito d’imposta al 50% quindi tutte le spese relative a ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

L’ammortamento degli investimenti umani e strumentali in ricerca è sviluppo al 50% è automatica. Per poter richiedere il credito d’imposta ricerca e sviluppo bisogna indicare le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi, nel quadro RU del modello Unico.

Si ricorda inoltre che il credito d’imposta ricerca e sviluppo può essere richiesto soltanto in compensazione, con la compilazione del modello F24, dal periodo d’imposta seguente a quello in cui sono state effettuate le spese in ricerca e sviluppo.

Info sull’autore

News Ricerca
 
Italia seconda classificata in Europa nel 2017 per grado di attrattività dei capitali stranieri. Il nostro Paese, secondo il “Digital...
 
Solo le macchine possono analizzare la complessità dei dati, ma l’uomo resta insostituibile. Il futuro è il machine learning, l’abilità...
 
La comunità scientifica internazionale IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) in occasione della Conferenza I2MTC 2018 ha accettato un lavoro...
 
Il 23 dicembre è stato approvato al Senato, il testo della Legge di Bilancio 2018, dopo un lungo percorso che lo ha visto...
 
I dati presentati da Anitec e Invitalia evidenziano che in Italia ancora si investe poco più dell’1% del Pil in...
 
L’ Ing. Alessandro Massaro (R&D Dyrecta Lab) ha replicato sperimentalmente in laboratorio, mediante generazione di un plasma, il fenomeno di...
 
Si tiene in questi giorni a Barcellona l’evento dedicato al mondo mobile. Dalla I.A. ai digital assistant le nuove funzioni...
 
L’essere sempre connesso ad internet ha cambiato il nostro modo di comunicare, di guadagnare e di lavorare. Forse non ce...
 
Innonetwork è la misura a sostegno delle collaborazioni e partnership tecnologiche pubblico-private per progetti regionali di ricerca e innovazione nell’ambito di SmartPuglia2020. L’obiettivo è...
 
Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 è stato quadruplicato con la Legge di Bilancio 2017. Ecco tutte le novità...
 
Per usufruire delle funzionalità della piattaforma Android Auto, da oggi, non è più necessario acquistare una vettura compatibile: tutte le...
 
Alcune delle opportunità che la realtà virtuale offre sul fronte della comunicazione e del marketing sono immergere completamente il consumatore...
 
Dyrecta Lab diventa partner di SGI. Gli Stati Generali dell’Innovazione sono nati per iniziativa di alcune associazioni, movimenti, aziende e...
 
Per incentivare l’innovazione e la crescita della Cina, il Governo intende aumentare gli investimenti per la ricerca e lo sviluppo,...
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt