News Ricerca
51375323
15 marzo 2018

Come il Machine Learning sta cambiando il mondo della medicina

Solo le macchine possono analizzare la complessità dei dati, ma l’uomo resta insostituibile. Il futuro è il machine learning, l’abilità di imparare prendendo degli esempi e utilizzandoli per fare previsioni di diagnosi e cura.

Il quadro è chiaro. Di fronte a noi, il machine learning dà ai computer l’abilità di imparare prendendo degli esempi, estraendo i pattern — ossia gli schemi che li contraddistinguono — e utilizzandoli per fare previsioni e nuovi esempi. In medicina, significa elaborare la grande massa di letteratura scientifica disponibile su una determinata malattia o su un intervento terapeutico e offrirla a medici e ricercatori in modo critico, ad esempio facendo ipotesi di diagnosi.

L’utilizzo del machine learning si sta espandendo a macchia d’olio nel campo medico; gli algoritmi consentono ai computer di apprendere sempre di più da ogni caso analizzato e garantiscono un monitoraggio continuo dei pazienti, soprattutto quelli con patologie croniche.

La rivoluzione tecnologica applicata al settore medico ben presto ci fornirà modi e strumenti adeguati per migliorare la nostra qualità di vita. Di fatto, ci troviamo in un momento di transizione fra l’esaminazione condotta da un medico in care e ossa e l’esaminazione condotta da un’intelligenza artificiale.

La tecnologia, tra wearable  – dispositivi indossabili – e machine learning, cambierà presto il nostro modo di vedere e vivere la medicina, in un’epoca in cui uno smart-phone è in grado di raccogliere più dati sulla nostra forma fisica rispetto a quanto sa di noi il nostro medico di riferimento.

Pur sembrando un qualcosa di eccessivamente futuristico, l’utilizzo di sistemi basati sul machine learning porterà un’enorme vantaggio alla medicina, permettendo con il monitoraggio costante, di prevenire e salvare molte vite.

Tutti i dati raccolti da oggetti “clinici” collegabili al nostro smartphone saranno una fonte di informazioni potenzialmente molto dettagliate sul nostro stato di benessere e anche di salute fisica. Si possono analizzare queste informazioni per soddisfare le esigenze diagnostiche di base, quelle per cui di norma si andrebbe dal medico, e non solo.

Il machine learning ha la costanza e il raggio d’azione che i medici umani non possono fisicamente avere, mentre questi hanno la capacità di gestire le anomalie che un sistema artificiale non ha.

Per questo e per altri motivi, tra cui molti legali e psicologici, è improbabile che nel prossimo futuro ci affideremo completamente a un’intelligenza artificiale. Ma, con ogni probabilità, sarà proprio questo a segnalare al nostro specialista le anomalie anche minime che sarebbe bene approfondire. Con le relative ripercussioni positive, in termini di prevenzione, diagnosi precoce e cura che da questi, potrebbero derivare.

 Senza dimenticare la dimensione umana

Trarre il massimo vantaggio dal machine learning non può tuttavia farci dimenticare che queste tecnologie non possono sostituire la dimensione umana. Possono aiutare, perché analizzano una quantità di dati impossibile per il cervello umano. Ma è sempre quest’ultimo l’elemento che guida e dà un senso ai dati analizzati. Certo non è semplice abituarsi al fatto che le macchine, oggi, siano anche in grado di fare ipotesi: sta all’uomo, però, indirizzarle e capire su quale strada proseguire, fra le varie prospettate.

Info sull’autore

News Ricerca
 
Solo le macchine possono analizzare la complessità dei dati, ma l’uomo resta insostituibile. Il futuro è il machine learning, l’abilità...
 
La comunità scientifica internazionale IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) in occasione della Conferenza I2MTC 2018 ha accettato un lavoro...
 
Il 23 dicembre è stato approvato al Senato, il testo della Legge di Bilancio 2018, dopo un lungo percorso che lo ha visto...
 
I dati presentati da Anitec e Invitalia evidenziano che in Italia ancora si investe poco più dell’1% del Pil in...
 
L’ Ing. Alessandro Massaro (R&D Dyrecta Lab) ha replicato sperimentalmente in laboratorio, mediante generazione di un plasma, il fenomeno di...
 
Si tiene in questi giorni a Barcellona l’evento dedicato al mondo mobile. Dalla I.A. ai digital assistant le nuove funzioni...
 
L’essere sempre connesso ad internet ha cambiato il nostro modo di comunicare, di guadagnare e di lavorare. Forse non ce...
 
Innonetwork è la misura a sostegno delle collaborazioni e partnership tecnologiche pubblico-private per progetti regionali di ricerca e innovazione nell’ambito di SmartPuglia2020. L’obiettivo è...
 
Il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2017 è stato quadruplicato con la Legge di Bilancio 2017. Ecco tutte le novità...
 
Per usufruire delle funzionalità della piattaforma Android Auto, da oggi, non è più necessario acquistare una vettura compatibile: tutte le...
 
Alcune delle opportunità che la realtà virtuale offre sul fronte della comunicazione e del marketing sono immergere completamente il consumatore...
 
Dyrecta Lab diventa partner di SGI. Gli Stati Generali dell’Innovazione sono nati per iniziativa di alcune associazioni, movimenti, aziende e...
 
Per incentivare l’innovazione e la crescita della Cina, il Governo intende aumentare gli investimenti per la ricerca e lo sviluppo,...
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt
 
Some title Some author
Some excerpt